Ischia, l'isola che non ti aspetti...

Ischia: piacevolmente sorpresa dai luoghi ricchi di storia, cultura e di quel fascino che solo i miti sanno donare ad alcuni luoghi.

Ischia, l'isola che non ti aspetti...

Non ero mai stata ad Ischia, lo ammetto. Forse perché meno conosciuta rispetto alla più “rumorosa” Capri o magari meno gettonata. E invece sono stata piacevolmente sorpresa da questi luoghi ricchi di storia, cultura e di quel fascino che solo i miti sanno donare ad alcuni luoghi.

Sarebbe stato il mostro Tifeo che, sconfitto da Zeus e scaraventato in mare dall’Olimpo fu schiacciato da un enorme macigno, Ischia, venendo poi condannato a sorreggerla per l’eternità sulle proprie spalle. Così i Greci spiegavano i continui “sussulti” dell’isola, di origine vulcanica.

Ancora oggi alcune località dell’isola prendono il loro nome da parti del corpo di Tifeo: a Testaccio sarebbe collocata la testa di Tifeo, a Panza il suo ventre per non parlare del piede di roccia che nitido si distingue sulla scogliera. 

Ischia, la più grande delle isole Flegree, terza per numero di abitanti dopo Sicilia e Sardegna è una delle mete preferite dai turisti, per la sua invidiabile posizione, ad un’ora di navigazione dal porto di Napoli. Conosciuta nel mondo per le sue acque termali fortemente alcaline, utilizzate sin dall’ antichità dai Greci per ritemprare corpo e spirito; alle sue acque erano attribuiti poteri soprannaturali così che presso ogni località termale venivano eretti templi dedicati agli dei.

Tra questi da non perdere sono i Giardini Poseidon: il parco termale più grande dell’isola situato a Forio. Qui troverete un centro benessere con più di 20 piscine di acqua termale a diverse temperature e piscine di acqua di mare. Un luogo di totale relax in cui perdersi tra le innumerevoli vasche, immerse in un parco verde e situato di fronte ad una bellissima spiaggia. In pochi lo sanno ma anche personaggi illustri come Giuseppe Garibaldi, Camillo Benso Conte di Cavour e Arturo Toscanini godettero di queste acque termali.

Dal ‘600 alla metà del ‘900 vennero costruiti in prossimità delle più rinomate sorgenti termali numerose strutture ricettive in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza. 

Io ho avuto la fortuna di alloggiare al Miramare Sea Resort, una splendida struttura abbarbicata sulla scogliera a picco sul mare, a Borgo Sant’Angelo, che offre ai suoi ospiti una vista mare a 360 gradi oltre a numerose piscine di acqua termale e una spa. L’accoglienza raffinata e l’attenzione per il benessere dei propri ospiti fa di questo Resort una delle mete più richieste dai turisti più esigenti. Le linee pulite ed i colori bianco e blu la fanno da padrone. Un luogo lontano dal caos e dal frastuono in cui perdersi e ritrovarsi. Qui pranzare al ristorante Apollon alle Fumarole, affacciati sul mare, diventa un’esperienza gastronomica, gustare la vera pizza napoletana fronte mare non ha prezzo. Per non parlare della cucina ricca e gustosa tipica del sud: eccezionale il baccalà in pastella (il migliore mai assaggiato), il fiore di zucca ripieno e le cozze grigliate.

Sempre a Borgo Sant’Angelo, la zona più esclusiva dell’isola, potrete soggiornare in splendidi Boutique Hotel. Tra questi Casa al Sole Boutique hotel rappresenta al meglio l’idea di accoglienza che coniuga il calore di una casa con le comodità e i servizi di un hotel a 5 stelle. Le sue suite, tutte diverse l’una dall’altra, prendono il nome da donne illustri napoletane. Ognuna ha il proprio balcone affacciato sul golfo ed è caratterizzata da particolari ceramiche provenienti da Vietri, che la proprietaria ha fatto realizzare appositamente; le linee pulite e i materiali caldi ed essenziali conferiscono agli ambienti un carattere sofisticato ma senza inutili orpelli. La struttura gode poi di una splendida terrazza affacciata sul golfo da cui ammirare il tramonto e gustare gli ottimi piatti preparati al momento per gli ospiti, sorseggiando magari un bicchiere di vino.

Se invece preferite rilassarvi è possibile beneficiare di un’area spa dove farsi coccolare da personale specializzato. Se invece decidete di fermarvi nel Comune di Forio da non perdere il Garden & Villas Resort, un paradiso immerso nel verde in cui l’attenzione al dettaglio è quasi maniacale e la cura per le materie prime fondamentale. Ogni giorno lo Chef Giancarlo Lo Giudice sforna vari tipi di pane e torte per la colazione(da provare la caprese al limone). All’interno del ristorante Il Corbezzolo potrete assaggiare il meglio dei prodotti del territorio: qui l’utilizzo di prodotti freschi provenienti dall’orto coltivato all’interno del resort offre garanzia di qualità.

Una visita ad Ischia sarebbe però incompleta senza andare a trovare la famiglia D’Ambra (storica famiglia di viticoltori) Al Focolare. Una trattoria aperta nel 1991 che ha scelto di non preparare pesce, famosa per il coniglio da fossa all’ischitana, piatto delle feste per eccellenza, che qui è presidio slow food, ancora oggi cotto nei tegami di argilla. Perché la cucina ischitana è una cucina di terra, come ci racconta fiero il sig. Riccardo, che ancora conserva integra l’identità e l’anima della sua Ischia.

 

GIULIA CRISTODARO

La tua reazione a questo post?

like
0
dislike
0
love
0
funny
0
angry
0
sad
0
wow
0